SuperBike

La Stagione 2009 di Superbike

NORIYUKI HAGA PERDE IL TITOLO MONDIALE SUPERBIKE 2009 PER 6 PUNTI A PORTIMAO; VITTORIA PER FABRIZIO IN GARA 2 

Portimao (Portogallo), domenica 25 ottobre 2009: un finale agrodolce per Noriyuki Haga e la sua squadra Ducati Xerox a Portimao oggi, perdendo il titolo piloti per solo sei punti, dopo una caduta del pilota giapponese in Gara 1 ed un podio nella seconda manche. Già vincitori del titolo costruttori, il team ufficiale ha lottato fino al giro finale dell’ultima gara ma purtroppo non è stato sufficiente ed è stato il pilota Yamaha Ben Spies a conquistare il titolo. Michel Fabrizio, quinto in Gara 1, ha fatto poi un bel recupero dall’undicesima posizione per trionfare nella seconda manche davanti al suo compagno di squadra, consolidando la terza posizione finale in classifica.

Gara 1 non è certamente andata come programmato. Il pilota giapponese ha recuperato tre posizioni in partenza, un bel inizio che l’ha portato subito in settima posizione, da dove, in pochi giri, ha potuto raggiungere sia Haslam che Byrne. Nel corso del quinto giro, Noriyuki, seguito dal suo compagno di squadra Michel, è riuscito a sorpassare Haslam, ma poi, nel giro successivo, Noriyuki è purtroppo scivolato e, costatando che la moto era spenta, non ha potuto continuare la gara. Michel, al quarto giro, ha fatto registrare il nuovo record del tracciato, è poi rimasto in quinta posizione per il resto della manche, soffrendo un calo di grip della gomma posteriore negli ultimi giri che non gli ha permesso di recuperare sul gruppo davanti a lui.

Nella seconda manche, avendo cambiato sia moto che gomme, Noriyuki è partito più forte e dopo due giri si è portato in quinta piazza. Dopo qualche giro Michel l’ha sorpassato con l’obiettivo di raggiungere i tre leader Byrne, Rea e Spies. Lottando con i due piloti britannici per parecchi giri, il pilota romano ha preso il comando della gara durante il tredicesimo passaggio, perdendolo nuovamente dopo pochi giri. Haga nel frattempo ha recuperato terreno, scavalcando sia Biaggi che Byrne, proiettandosi in terza posizione. Un errore da parte di Jonathan nell’ultimo giro ha permesso a tutti e due i piloti Ducati Xerox di passarlo; così Michel e Noriyuki hanno chiuso primo e secondo, una bella doppietta per il team nell’ultimo appuntamento dell’anno.

Durante la stagione 2009, Noriyuki Haga ha ottenuto 19 podi, di cui: 8 vittorie in gara, incluse due doppiette a Valencia e Kyalami. Michel Fabrizio ha fatto 15 podi, 3 vittorie incluse, e insieme i due piloti hanno totalizzato in totale 838 punti. La Ducati ha vinto il titolo costruttori per la sedicesima volta, con 67 punti di vantaggio su Yamaha in seconda posizione.

Noriyuki Haga (2° in classifica, 456 punti)
“E’ tutto il weekend che non siamo totalmente soddisfatti del set up della moto, soprattutto con le gomme, che non mi hanno dato mai un buon feeling. Di solito abbiamo un buon bilanciamento su ogni circuito ma qui, pur non  cambiando molto il setting qualcosa non ha funzionato bene. In gara 1 abbiamo montato gomme dure e non hanno funzionato come speravamo, non mi davano il grip necessario per cui è stato difficile frenare e purtroppo sono caduto anche se non stavo forzando tanto. Abbiamo cambiato moto per la seconda manche, per sicurezza, cambiando ovviamente anche le gomme. Abbiamo trovato quindi più grip e ho potuto fare una bella gara. Purtroppo la seconda posizione in gara non è stata sufficiente per conquistare il titolo, ed è un vero peccato, ma devo dire che ho vissuto un bellissimo primo anno con questa mia fantastica squadra che mi ha sempre fornito una buona moto. Ringrazio tutti i miei tecnici, la Ducati, gli sponsor e la Clinica Mobile per tutto il supporto che mi hanno dato in questa stagione. Complimenti a Ben, è stato un rivale fortissimo e anche se l’anno prossimo andrà in MotoGP, sono sicuro che rimarremo amici. Adesso cominceremo subito i test in preparazione 2010. Quest’anno è stata una nuova avventura con la Ducati e continueremo a dare il 100% anche nel 2010.”

Michel Fabrizio (3° in classifica, 382 punti)
“La prima manche è stata molto difficile per me. Ho sbagliato la partenza e ho cominciato a spingere subito per recuperare. Poi, seguendo Nori, ho visto la sua caduta ed ho perso concentrazione per un attimo. Ho fatto di tutto per arrivare vicino al gruppo davanti ma non avevo tanta fiducia nella gomma anteriore e poi, a otto giri dalla fine, anche il pneumatico posteriore ha cominciato a calare. In Gara 2 invece ho fatto una bella lotta con Rea, l’ultima volta che abbiamo corso insieme così, a Misano, è stato lui a vincere, oggi è toccato a me. Jonathan ha fatto un piccolo errore all’ultima curva che mi ha permesso di superarlo e vincere la gara. Mi dispiace molto per Nori, comunque abbiamo dimostrato di essere forti, e secondo me, sia Ben che Nori sono i vincitori perché insieme ci hanno regalato una stagione fantastica, lottando fino alla fine.”

RISULTATI: Gara 1 – 1. Spies (Yamaha); 2. Rea (Honda); 3. Biaggi (Aprilia); Gara 2 -  1. Fabrizio (Ducati Xerox); 2. Haga (Ducati Xerox); 3.  Rea (Honda)

CLASSIFICA:
Piloti – 1. Spies (Yamaha) 462; 2. Haga (Ducati Xerox) 456; 3. Fabrizio (Ducati Xerox) 382; 4. Biaggi (Aprilia) 319; 5. Rea (Honda) 315; 6. Haslam (Honda) 241….

Costruttori – Ducati 572; Yamaha 505; Honda 431; Aprilia 329; Suzuki 173; BMW 141; Kawasaki 76

IMOLA DA IL BENVENUTO AL TEAM DUCATI XEROX PER IL TERZO APPUNTAMENTO ITALIANO DEL CAMPIONATO SUPERBIKE 2009

Imola (Italia), martedì 22 settembre: questa stagione è il circuito di Imola che sostituisce Vallelunga come la terza pista italiana sul calendario Superbike Mondiale 2009, dopo un’assenza di due anni. Dal 2006, si è fatto varie modifiche al circuito, compresa la costruzione di una nuova variante controversa subito dopo il rettilineo di partenza, vista dai piloti per la prima volta durante le prove organizzate da Infront Sports a luglio.

Durante le suddette prove, e sul tracciato caldissimo, è stato il pilota Ducati Xerox Michel Fabrizio a dominare le sessioni; è stato costantemente il pilota più veloce in pista che è di buono augurio per le gare di domenica. Purtroppo Noriyuki non ha potuto partecipare nei test dovuto agli infortuni sofferti il mese prima durante Gara 2 di Donington Park; lui torna dunque ad Imola, una pista su cui non gira dall’evento del 2006.

All’inizio di settembre, il Nürburgring ha ospitato l’undicesimo evento Superbike ma, anche se Noriyuki è stato forte sia venerdì (sul bagnato) che sabato (sull’asciutto), ottenendo anche la pole, purtroppo una vittoria l’ha eluso; dopo aver finito secondo in Gara 1, un’incidente causato da Rea ha significato game-over e zero punti per il pilota giapponese in Gara 2. Come conseguenza, Haga, in testa alla classifica per i primi 10 eventi, adesso si trova in seconda posizione, 18 punti dal nuovo leader Spies, e con 57 punti di vantaggio sul terzo pilota, il suo compagno di squadra Fabrizio. Anche Michel ha avuto un giorno di gara difficile al Ring. Ha concluso la prima manche settimo mentre in Gara 2, costretto ad uscire con la seconda moto, non aveva il feeling necessario, chiudendo quella manche in nona posizione.

Mentre il campionato Mondiale Superbike non può essere deciso questo fine settimana, il giovane pilota belga Xavier Simeon, e la sua squadra Ducati Xerox Junior, hanno una prima opportunità a trionfare nella Coppa del Mondo 1000 Superstock davanti al pubblico italiano. Ci sono ancora quattro piloti in lizza ma Xavier ha un vantaggio di 40 punto sul secondo pilota Corti; avrebbe bisogno di aumentare questo gap ad almeno 50 punti per assicurarsi del titolo già ad Imola.

In occasione della gara di Imola, il Comune di Imola in collaborazione con Formula Imola, che gestisce il circuito, riconosceranno Troy Bayliss, tre volte campione del mondo e testimonial Ducati, con un “Premio alla Carriera.” Troy, che ha vinto il suo titolo mondiale del 2006 sulla pista imolese, viaggerà dall’Australia per poter passare il weekend in circuito con la squadra Ducati Xerox.


Noriyuki Haga (2° in classifica, 346 punti)

“Siamo tornati dal Nürburgring molto dispiaciuti, certi di poter vincere almeno una delle due gare. Adesso mi trovo secondo in classifica e questo significa che la vittoria ad Imola sarà fondamentale. Ci sono 50 punti disponibili questo weekend e un gap di 18 fra tra me e Ben…. Ovviamente è anche la gara di casa per Ducati e, oltre ad avere bisogno dei punti per il campionato, sarebbe fantastico vincere davanti al pubblico italiano, visto che l’impresa non mi è riuscita a Monza e neppure a Misano.”

Risultati di Haga in Superbike a Imola:
2006: Gara 1 – 4°, Gara 2 – 6°
2005: Gara 1 – 3°
2004: Gara 1 – 4°, Gara 2 – DNF
2002: Gara 1 – 5°, Gara 2 – 4°


Michel Fabrizio (3° in classifica, 289 punti)

“Avevo un feeling molto buono con la mia moto quando abbiamo provato ad Imola in luglio ed essere stato uno dei più veloci in pista mi da fiducia, sicuramente farà molto meno caldo alla fine di settembre e questo potrebbe fare la differenza. La gara di Imola del 2006 è stato, per me, un’ evento da dimenticare, ma questa stagione, grazie ai risultati dei test durante l’estate, so che la 1198 può andare forte in questa pista. Mi auguro di poter fare due belle gare questo weekend, anche perché sarà l’ultimo evento italiano della stagione.”

Risultati di Fabrizio in Superbike a Imola:
2006: Gara 1 – DNF, Gara 2 - DNF


CIRCUITO:

Paese: Italia
Nome: Autodromo di Imola
Lunghezza: 4.936 km
Pole position a sinistra
Curve a sinistra: 10
Curve a destra: 6
Distanza da percorrere: 21 giri = 103.656 km

PRIMATI: Miglior giro – Barros (Honda) 1'50.266 (2006). Superpole – Bayliss (Ducati Xerox) 1'48.804 (2006).

RISULTATI 2006: Gara 1 - 1. Barros (Honda); 2. Toseland (Honda); 3. Pitt (Yamaha). Gara 2 – 1. Bayliss (Ducati Xerox); 2. Barros (Honda); 3. Kagayama (Suzuki).

Superbike Nürburgring (Germania)  06/09/2009 Gara

Nürburgring (Germania) Domenica 6 settembre: una giornata di alti e bassi per Noriyuki Haga, Michel Fabrizio e la squadra Ducati Xerox oggi sul circuito del Nurburgring. Dopo essere salito sul podio in Gara 1, Noriyuki è stato vittima di un incidente nella seconda manche, che ha significato un risultato DNF e zero punti. Un pomeriggio difficile anche per il suo compagno di squadra Michel, che per vari motivi non è riuscito a ottenere i risultati che si aspettava.

Un duello fantastico in Gara 1 tra Noriyuki Haga sulla Ducati 1198 e Ben Spies sulla Yamaha. Dopo un incidente durante il primo giro di gara e l’esposizione della bandiera rossa, c’è stato un restart, ed è stato Haga a partire più forte di tutti, davanti a Rea e Spies. Nei primi giri Noriyuki ha potuto aumentare il distacco tra lui e gli inseguitori mentre Rea e Spies lottavano alle sue spalle, ma dopo dieci giri Spies ha chiuso il gap sorpassando il giapponese. La seconda metà della manche è stata caratterizzata dalla bellissima battaglia fra i due leader, che guidavano al limite tutti e due. Noriyuki ha registrato un nuovo lap record al 15° giro ma purtroppo non è riuscito a sorpassare l’americano, chiudendo Gara 1 in seconda posizione. Michel è partito forte ma è rimasto chiuso in un gruppo con Biaggi, Checa, Haslam e Corser per tutti i 20 giri, pur girando sempre su tempi veloci non è riuscito a migliorare la sua posizione fino a 5 giri dalla fine quando ha sorpassato Corser, per chiudere in settima posizione.

In Gara 2 i piloti Ducati Xerox non hanno avuto tanta fortuna. Haga è partito subito in testa, consapevole di avere le due Honda di Checa e Rea in scia. Checa è riuscito a sorpassarlo nel corso del terzo giro ma quando Rea ha provato il giro successivo a passare Haga in fondo al rettilineo di partenza ha toccato il pilota giapponese, causando una caduta e la fine della gara per Nori. Per Michel la seconda gara non è stata molto diversa dalla prima; nonostante una buona partenza, problemi tecnici non gli hanno permesso di mantenere la posizione, sesta, che sembrava acquisita, terminando nono.

Con i risultati di oggi Noriyuki perde la leadership del campionato per la prima volta questa stagione; adesso è a 18 punti da Spies, mentre Michel rimane in terza posizione con 289 punti . Ducati rimane in testa alla classifica costruttori con 439 punti e Yamaha è ancora seconda (407 punti)

Noriyuki Haga (Gara 1 – 2°, Gara 2 – DNF)

“Dopo i primi dieci giri di Gara 1 Ben mi ha sorpassato e, da quel momento, ho dovuto spingere anche di più, in ogni punto del circuito, per rimanere insieme a lui. Ho provato a scavalcarlo più di una volta ma oggi Ben aveva una moto veramente a posto e non sono riuscito a passarlo. Sono un po’ dispiaciuto perché pensavo di poter vincere. Prima della seconda manche abbiamo fatto una piccola modifica alla sospensione e il feeling che avevo all’anteriore era ulteriormente migliorato, e questo mi avrebbe permesso spingere ancora di più nel finale di gara, ma purtroppo quando stavo cominciando a spingere per cercare di riprendere Checa Rea è arrivato molto forte in fondo al rettilineo e mi ha toccato. Purtroppo la moto si è spenta e non sono potuto ripartire per provare a prendere almeno qualche punto. Sono arrabbiato perché è la seconda volta che succede ma fortunatamente non mi sono fatto male fisicamente.”

Michel Fabrizio (Gara 1 – 7°,  Gara 2 – 9°)

“Cosa posso dire? Il weekend non è andato come ci aspettavamo. In Gara 1 ho avuto problema di grip al posteriore. Finita la manche i miei tecnici hanno trovato un problema tecnico con il cambio che ci ha consigliato di partire per la seconda gara con l’altra moto. Ma purtroppo il motore della seconda moto non era molto performante, sembrava che mancasse accelerazione in uscite di curva e mi è stato impossibile tenere il passo del gruppo davanti a me. Può andare solo meglio ad Imola.”


RISULTATI: Gara 1 – 1. Spies (Yamaha); 2. Haga (Ducati Xerox); 3. Checa (Honda);  Gara 2 -  1. Rea (Honda); 2. Spies (Yamaha) ; 3. Checa (Honda)

CLASSIFICA: Piloti – 1. Spies (Yamaha) 364; 2. Haga (Ducati Xerox) 346; 3. Fabrizio (Ducati Xerox) 289; 4. Rea (Honda) 244; 5. Biaggi (Aprilia) 224; 6. Haslam (Honda) 201. Costruttori – Ducati 439; Yamaha 407; Honda 347; Aprilia 231; Suzuki 143; BMW 105; Kawasaki 56

RINNOVO DEI CONTRATTI PER I DUE PILOTI DUCATI XEROX HAGA E FABRIZIO

Bologna (Italia), lunedì 21 settembre: Alla vigilia della gara Superbike in programma ad Imola dal 25 al 27 settembre,  Ducati conferma che entrambi i piloti Ducati Xerox, Noriyuki Haga e Michel Fabrizio, resteranno nella squadra anche per la stagione agonistica  2010. Negli ultimi giorni i vertici dell’azienda bolognese hanno raggiunto un nuovo accordo sia con Noriyuki che con Michel confermando i due forti piloti, attualmente secondo e terzo in classifica, anche per la prossima edizione del Mondiale Superbike. Un rinnovo importante che darà continuità al proficuo lavoro ottenuto dalla perfetta collaborazione tra tecnici e piloti. Per il 34enne pilota giapponese sarà il secondo anno consecutivo ed  il terzo per il 25enne romano Michel che aveva debuttato in Ducati come compagno di squadra di Troy Bayliss nel 2008.

Noriyuki Haga

“Sono davvero felice che questa grande squadra mi abbia rinnovato la fiducia. Ringrazio la Ducati, gli sponsor, il team e tutti quelli che sono stati coinvolti nella decisione.  Sono in ottimi rapporti con il mio team e con Michel, per cui sono molto contento di rimanere anche nel 2010. Non sappiamo ancora come finirà questa stagione ma quello che è certo e che continuerò a dare il massimo, come faccio ogni weekend. Il fatto che la Ducati mi abbia confermato mi da un ulteriore stimolo; ad Imola darò il 200% e se non basta, raddoppierò gli sforzi a Magny e a Portimao!”

Michel Fabrizio

“Sono molto contento, ho avuto la conferma del rinnovo del contratto il giorno prima del mio compleanno e questa bella notizia mi ha fatto concludere alla grande la settimana. Attualmente sono terzo in campionato e continuerò a dare il massimo nelle ultime tre gare. Ad Imola seguirò la mia strada, mi sento ancora in corsa per il titolo,  dopo di che vedremo come saremo messi in classifica io e Nori… forse cambierò strategia per le ultime due gare mettendomi a disposizione di Noriyuki. Di certo però l’anno prossimo non permetterò a nessuno di scappare via subito in classifica come ha fatto Nori questa stagione, farò il possibile per stare sempre nelle posizioni alte della classifica fin dall’inizio.”

Filippo Preziosi – Direttore Generale Ducati Corse

“Nori e Michel stanno vivendo una stagione agonistica ricca di soddisfazioni, giocando un ruolo da protagonisti  in un campionato molto combattuto.  Tutti in Ducati siamo felici di questo rinnovo e orgogliosi di poterli confermare entrambi per la stagione 2010. Sicuramente l’esperienza accumulata  quest' anno potrà contribuire a prestazioni ancora migliori nel futuro. Complimenti a tutto il team per la professionalità e la passione con cui lavora ogni weekend in pista.”

Superbike Nurburgring (Germania)  04/09/2009

Nurburgring (Germania) venerdì 4 settembre: l’undicesimo appuntamento Superbike, in programma questo weekend al Nurburgring è iniziato oggi sotto un cielo coperto, con temperature molto basse 12-14°C ed una pioggia persistente. I piloti Ducati Xerox Noriyuki Haga e Michel Fabrizio sono tornati entrambi dalle vacanze estive più determinati che mai in un campionato ancora aperto e dunque, nonostante le condizioni poco favorevoli, tutti e due i piloti hanno lavorato duro e si dichiarano soddisfatti delle loro prestazioni.

Noriyuki ha migliorato costantemente durante la prima sessione, chiudendo le prove libere con il tempo più veloce in assoluto, mentre Michel e i suoi tecnici hanno lavorato sul controllo di trazione e al set-up della moto, per terminare la sessione in nona posizione.

Anche la sessione di qualifica del tardo pomeriggio è stata condizionata dalla pioggia ma quasi tutti i piloti hanno potuto comunque abbassare i loro tempi. Sia Michel che Nori hanno migliorato i loro crono registrati nella mattinata per concludere oggi al quarto e quinto posto rispettivamente.

Michel Fabrizio 2m12.3s

“Sono abbastanza soddisfatto. E’ sempre difficile in queste condizioni instabili ma suppongo che il weekend sarà condizionato da questo tipo di tempo. Abbiamo fatto dei buoni progressi e spero di poter migliorare ulteriormente il feeling con la pista bagnata domani. Riguardo alla gomme non abbiamo molta scelta, solo il soft compound mi da fiducia e oggi ho fatto 23 giri con lo stesso pneumatico per valutarne l’usura. La speranza è che domenica possiamo correre due gare asciutte ma anche in queste condizioni mi ritengo competitivo.”

Noriyuki Haga 2m12.6s

“Sono felice di sentirmi di nuovo a mio agio sulla moto, i due giorni di prove al Mugello questa settimana sono stati molto utili perché la spalla non mi ha creato problemi più di tanto oggi ed ho potuto spingere fin dall’inizio. Durante i test in Italia abbiamo provato vari set-up per valutare alcune soluzioni che potrebbero funzionare qui al Nurburgring questo fine settimana. Finora va tutto bene, sul bagnato mi sono trovato bene ma non possiamo sapere come saranno le condizioni domani. Spero in due gare asciutte domenica ma vedremo!”

TEMPI: 1. Rea (Honda) 2m11.2s; 2. Sykes (Yamaha) 2m11.7s; 3. Corser (BMW) 2m12.0s; 4. Fabrizio (Ducati Xerox) 2m12.3s; 5. Haga (Ducati Xerox) 2m12.6s; 6. Byrne (Ducati); 2m12.8s; 7. Haslam (Honda) 2m12.9s; 8. Smrz (Ducati) 2m13.0s